Il Consiglio di Amministrazione Assilt ha approvato il Testo Unico Normativo che entrerà in vigore l’1/7/2012.

Da una prima lettura non si evidenziano novità rilevanti in quanto il testo unico recepisce la normativa vigente e riassume in un solo documento i contenuti del tariffario, del regolamento delle prestazioni e delle norme applicative dello stesso.

Le modifiche principali riguardano l’obbligatorietà del codice fiscale del fruitore delle prestazioni sulle ricevute o fattura di spesa, mentre viene superata la temporizzazione trimestrale prevista per la trasmissione delle richieste di rimborso.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre ottenuto la delega dall’assemblea dei rappresentanti a sottoscrivere con Telecom Italia il nuovo contratto di servizio, a nostro avviso la bozza prevede aspetti che andrebbero modificati; ad esempio non fornisce serie garanzie di un reale miglioramento della qualità del servizio per quanto riguarda i tempi di evasione delle pratiche inoltre in merito alla gestione viene concessa a Telecom Italia la possibilità di affidarsi in assoluta libertà a subappalti.

Un altro aspetto critico è costituito dal costo del Contratto di Servizio che in continuità con l’accordo del 2000, prevede la riduzione dei contributi aziendali dello 0,44% della retribuzione imponibile mensile che corrisponde a oltre 8 milioni di euro/anno pari al 20% del contributo aziendale totale per questo ridotto al 1,75%.

Oggi a fronte di una forte riduzione del personale, della soppressione di molte sedi regionali e di una revisione organizzativa i costi gestionali sono inferiori e di molto, pertanto l’accordo consente a Telecom di incamerare la differenza che occorre ricordare trattasi di salario differito dei lavoratori attivi.